Non saremo più soli ...



collisioni tra galassie
a lato 6 ZW II 96










E' notizia di questi giorni che il 2009, anno mondiale dell'astronomia, vedrà il lancio del Keplero, il più potente telescopio spaziale mai concepito, che da aprile prossimo punterà il suo "sguardo" in una porzione di cosmo contenente circa 100.000 stelle che dovrà osservare e monitorare alla ricerca di segnali che indichino presenza di altri pianeti come la nostra amata Gea.
A mio avviso la Nasa, che in queste cose ha naso, è alla ricerca di nuovi Coneri e nuove Riviere per piantare per prima gli ombrelloni ... che dopo col boom dei turisti i prezzi salgono alle .. stelle .. appunto.






a lato NGC 6240




fate come ho fatto io, chiudete gli occhi e perdetevi un attimo nell' universo ... quando tornerete sulla Terra vi sentirete più piccoli e .. propensi

Commenti

  1. puoi dirlo vecchio ranger dello spazio... scrutare l'orizzonte degli eventi... il vuoto cosmico, da dove luci lontane milioni di anni ci giungono ad accendere mistiche fantasie su mondi possibili dove preferiremmo stare...
    dove vi sia un conero senza pattume e senza assessori, dove la spiaggia sia deserta e una enorme griglia di carne e pesce rilasci profumi di spezie e di legna arsa, e amici intorno con cui condividere vino e la serenità di una morbida risacca che va e viene dai nostri stanchi piedi, in un primo meriggio di sole, nubi brezza leggera e nubi che corrono...

    RispondiElimina
  2. un nubi di troppo storpia la cantica. amen.

    RispondiElimina
  3. amico mio ne hai di cose da dire tu che se solo volessi ... ma vedo che
    ..lo vuoi:
    ottimo pensiero

    RispondiElimina
  4. Keplero nasce per via di un tentativo
    fatto da quelli della Nasa, che come
    ripeto ha "naso" nel senso che
    "ce le sa le cose", di puntare il
    vecchio e bolzo Hubble su una porzione di spazio ritenuta VUOTA
    e ... meraviglia delle meraviglie
    ne uscirono invece fuori migliaia
    di nuove galassie e allora urge
    uno strumento ancor più potente
    per soddisfare la sete di conoscenza dell'uomo .. e Keplero dovrebbe
    essere il "bicchiere" della misura
    giusta

    RispondiElimina
  5. Bello dde zzzio27 gennaio 2009 12:06

    La nostra amata Gea? Ma amata da chi?
    Ci han sputato sopra tutti, calciatori, procuratori, tutti i media, ed i nostri stessi tifosi.
    Forse sarà amata da te e da quel filibustiere lurido figlio di che ci ha mandato in B.
    Io la Gea non la amo di certo.

    un 3M caustico, ironico, sardonico e sardinico. Sardinico soprattutto con pan carrè e burro, ma prima togliendo la lisca...

    RispondiElimina
  6. mamma mia carca .... che profondita' d'amino !! guya

    RispondiElimina
  7. Da Fisico e Astrofisico non potevo mancare a questo appuntamento. Come scrivo nel mio libro l'INFINITO:"Il quesito chiave è: di quanto tempo è fatto il cosmo? O, se si vuole, qual è la più grande quantità di tempo che è in gioco nell'esistenza del mondo? Una risposta immediata a questa domanda viene dalle origini dell'Universo...noi veniamo dal Big Bang, occorso 15 miliardi di anni fa secondo l'Astrofisica moderna.Ancora oggi uno dei problemi più scottanti di tutto il pensiero scientifico moderno: cercare di spiegare come tutto, dal big-bang alla Pietà di Michelangelo possa essere stato fatto in appena 15 miliardi di anni." Un punto fermo c'è, nè lo spazio nè il tempo possono essere infiniti, anche se spesso è quello che crediamo. A questo punto la domanda che tutti state pensando da buoni Numanesi è...quante spiagge ci saranno nello spazio non infinito e soprattuto quanti ombrelloni e sdrai ci potremmo piazzare???
    Probabilmente questa tecnologia e quella ancora successiva ci aiuterà a risolvere molti di questi dubbi, tra cui anche la vita intelligente oltre quella scoperta in alcuni luoghi della terra (negli abissi degli oceani, non di sicuro sulla terraferma), nel frattempo ad occhio nudo incantiamoci ad osservare il miracolo della natura nel famoso cielo stellato d'inverno.
    Nella prossima lezione diremo che cos'è la SCIIENZZA...

    Antonino Zichichi

    RispondiElimina
  8. Piccolo mi sento di fronte a tale grandezza di menti e ampiezza universale.
    Noi siamo figli delle stelle ...

    RispondiElimina
  9. la Haccke disce che il binghetebbanghte è solo una teoria e non c'è nessuna prova provata...certo quando lo diceva aveva ancora l'alito che puzzava di anice....

    RispondiElimina
  10. Okkio Det :-))
    la Hack non va d'accordo con
    l'esimio di cui sopra e che ci
    onora delle sue visite

    RispondiElimina
  11. Tutti si affannano a cercare nuovi pianeti dove sia possibile la vita: dicono marte e forse pure venere.
    Sarà.
    Io so solo che esiste un pianeta in cui vivere e si chiama Terra; ma forse è talmente banale che vogliano andare a vivere altrove. Spero che ciò avvenga, così almeno sarò sicuro che non uccideranno la mia amata terra.

    RispondiElimina

Posta un commento

tra i post più popolari

Balleri, curiosi frutti del Conero

Le feste in casa degli anni '60

I paccasassi

Il Crocifisso di Numana

Paccasassi numanesi