Pulchra enim sunt ubera ...

Chissà se le donne si riconoscono con quanto dice F. Nietzsche nel suo
Cosí parlò Zarathustra ...

Allorché oggi me ne andavo solo, all’ora in cui il sole tramonta, incontrai una vecchia donnetta, ed essa cosí parlò all’anima mia:
“Molte cose ha detto Zarathustra anche a noi donne, ma mai ci ha parlato della donna”.
Ed io le risposi: “Della donna bisogna parlare soltanto all’uomo”.
“Parla anche a me della donna”, ella disse; “sono abbastanza vecchia per dimenticarlo subito dopo”
Ed io accontentai la vecchia donnetta e cosí le parlai:
“Tutto nella donna è un mistero e tutto nella donna ha una soluzione: essa si chiama gravidanza.
L’uomo è per la donna un mezzo: lo scopo è sempre il bambino. Ma che cos’è la donna per l’uomo?
L’uomo vuole due cose: gioco e pericolo. Perciò vuole la donna, come il giocattolo piú pericoloso.
L’uomo deve essere educato per la guerra, e la donna per svago del guerriero: tutto il resto è follia.
Frutti troppo dolci, questi il guerriero non li vuole. Perciò vuole la donna: perché amara è anche la donna piú dolce.
La donna capisce i fanciulli meglio dell’uomo, ma l’uomo è piú infantile della donna.
Nel vero uomo, è nascosto un fanciullo: il quale vuole giocare.
Su, donne, scopritemi dunque il fanciullo nell’uomo!
Un giocattolo sia la donna; un giocattolo fine e puro, simile a una pietra preziosa illuminata dalle virtú di un mondo che non esiste ancora.
Il raggio di una stella splenda nel vostro amore! La vostra speranza sia:
“Possa io partorire il Superuomo!”
Nel vostro amore sia il coraggio! Col vostro amore dovete assalire colui che v’incute timore.
Nel vostro amore sia il vostro onore! Di solito la donna capisce poco di onore. Ma il vostro onore sia questo: amare sempre, piú di quanto siate amate voi stesse, e non essere mai in seconda fila.
L’uomo tema la donna quando essa ama: perché essa allora compie ogni sacrificio, e le altre cose sono per lei senza valore.
L’uomo tema la donna quando essa odia: perché l’uomo in fondo al suo animo è soltanto cattivo, mentre la donna è malvagia.
Chi è che la donna odia piú d’ogni altro? Il ferro cosí disse al magnete: “Io odio te piú d’ogni altra cosa, perché tu attiri, ma non hai abbastanza forza per tirare a te”.
La felicità dell’uomo si chiama: io voglio. La felicità della donna si chiama: egli vuole.
“Ecco, soltanto ora il mondo è perfetto!” Cosí pensa ogni donna, quando, amando con tutto il cuore, obbedisce.
E la donna deve obbedire e trovare una profondità per la sua superficie. Il carattere della donna è superficie, un’epidermide animata tempestosa sopra un’acqua poco profonda.
Ma l’animo dell’uomo è profondo, la sua corrente scroscia in sotterranee caverne: la donna intuisce la sua forza, ma non la comprende.
Allora la vecchia donnetta mi rispose: “Zarathustra ha detto molte cose garbate, specialmente per quelle donne che sono ancora abbastanza giovani perché ciò le riguardi.
È strano, Zarathustra conosce poco le donne, eppure ha ragione di parlare cosí di esse.
Forse perché niente è impossibile per ciò che riguarda la donna?

Ed ora, per ringraziamento, prenditi una piccola verità! Sono abbastanza vecchia per essa!
Avviluppala bene e chiudile la bocca: se no grida troppo forte, questa piccola verità."
“Dammi, o donna, la tua piccola verità!” dissi. E la vecchia donnetta disse cosí:
“Vai dalle donne? Non dimenticare la frusta!”

.... Cosí parlò Zarathustra ...
che venne dopo tale Cecco Angiolieri che invece:

torrìa le donne giovani e leggiadre

e quelle vecchie e laide lasseria altrui ..:d



Commenti

Posta un commento

tra i post più popolari

I paccasassi

Parcheggiare a Numana d'estate

Balleri, curiosi frutti del Conero

Il Crocifisso di Numana

Mangiare diverso a Numana - La Torre street food