Ugo Foscolo - Alla sera

I l Cancelliere della Repubblica Galattica poi Imperatore Palpatine alias Darth Sidious, Sith Lord della saga Star Wars, è di nuovo venuto a farci visita interpretando una poesia di Ugo Foscolo: Alla sera, sonetto del 1803 che mirabilmente rappresenta un momento di grave disagio umano e politico del poeta nazionale. La sera intesa come immagine della morte, la “fatal quiete”, ma anche “si cara vieni” dolce compagna portatrice della pace che placa il “mio spirto guerrier” e qui se c’è un guerriero chi meglio dell’ Oscuro Jedi?? e allora senza esitazione prestiamo l’orecchio a questo maestro della recitazione
    Forse perché della fatal quiete
    Tu sei l'imago a me sì cara vieni
    O sera! E quando ti corteggian liete
    Le nubi estive e i zeffiri sereni,
    E quando dal nevoso aere inquiete
    Tenebre e lunghe all'universo meni
    Sempre scendi invocata, e le secrete
    Vie del mio cor soavemente tieni.

    Vagar mi fai coi miei pensier su l'orme
    che vanno al nulla eterno; e intanto fugge
    questo reo tempo, e van con lui le torme

    delle cure onde meco egli si strugge;
    e mentre io guardo la tua pace, dorme
    Quello spirto guerrier ch'entro mi rugge.

Commenti

  1. Non prendetevi gioco di me...
    Sono sempre Ugo....Foscolo....mica Jacopo Ortis!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

I paccasassi

Balleri, curiosi frutti del Conero

Eravamo in 3 milioni nel Settembre 1971