Il piccolo grande spot …

Tempo fa parlai dello spot della Regione Marche avente come interprete il grande Dustin Hoffman e dicevo che lo associavo a Rico, personaggio da lui interpretato ne "Un uomo da marciapiede" e non mi ero ricordato che il grande Dustin aveva anche interpretato un western eccellente dal titolo "Il piccolo grande uomo", un "polverone" come si diceva all'epoca per indicare il genere western, e tale sembra oggi in virtù di una serie di polemiche scoppiate nella nostra terra per lo spot da lui interpretato. Tutto nasce da un backstage del video di prossima uscita pubblicato dal nostro Governatore Spacca e a seguito delle numerose polemiche, prontamente rimosso dallo stesso con tutti i commenti annessi al medesimo video. Chi faceva notare il costo eccessivo, chi il personaggio meno appropriato visto il "nostrano" Valentino Rossi, conosciuto anch'egli in tutto il mondo e chi se la prendeva per la scelta del regista Solari che aveva avuto una precedente partecipazione al governo delle Marche come assessore. Poi sono successe cose sgradevoli lette sulla stampa e in giro nel web come:




Critiche allo spot-Hoffman, la Regione minaccia denunce "Verrà valutata l'opportunità di intraprendere azioni a tutela di persone ed enti". Così l'ente reagisce alle numerose polemiche e proteste piovute in questi giorni nella rete, in particolare su Youtube

dal tono minaccioso e che mal si addice ad una ricerca di dialogo democratico tra le istituzioni e i cittadini da esse rappresentati in un'ottica che vorrebbe invece risposte pacate a critiche e/o opinioni più che lecite e approfitto per consigliare chi ci governa territorialmente di non perdere oltre alla testa (7 comuni passati a formare la neo provincia di Rimini) anche la faccia e tornare a più miti sentimenti di confronto e dialogo e in tal senso si hanno le prime reazioni:




Spot-Hoffman, Pdl e Prc chiedono spiegazioni - La minaccia di denunce della Regione suscita le prime reazioni: il consigliere Brandoni (Prc) ha presentato un'interrogazione; D'Anna (Pdl) parla di "poca trasparenza" nel percorso che ha portato all'assegnazione del bando ...


a tal proposito segnalo questo video di un giovane marchigiano che a mio avviso ha posto una seria questione sull'argomento ed è in solo formato audio, la lettera aperta è consultabile di seguito, per chi volesse potrà quindi cliccare sul video e seguire leggendone il testo sotto e nella speranza che il tutto si possa risolvere nel giusto diritto all'informazione che ha il cittadino ogni qualvolta viene speso denaro pubblico … buona lettura e ascolto … il testo della lettera è in formato pdf di 6 pagine con la barra laterale per scorrere il testo o semplicemente andandoci sopra con la manina che appare e utile per trascinare il testo … lo dico per i meno smanettoni ,,,  sorry

Commenti

  1. Ludovico Guoli10 gennaio 2010 13:52

    Sono marchigiano, ho 30 anni ed una grande passione per il cinema. Ritengo Dustin Hoffman uno dei migliori attori di tutti i tempi...ho visto i suoi film svariate volte ed è sempre un piacere, penso a "Il laureato" (1967) di Mike Nichols (canditato all'Oscar per miglior attore), oppure "Il maratoneta" (1976), o al favolistico "Hook - Capitan Uncino" (che vidi da ragazzino, con anche il mitico Robin Williams - 1991), fino allo struggente e stupendo "Rain Man" (1989), passando per l'indimenticabile "Piccolo Grande Uomo (1970).
    Insomma chi più ne ha più ne metta. Io ritengo un onore il fatto che un artista del genere si sia cimentato in uno spot per la mia regione. Lo ritengo un onore, come suo grande ammiratore, ma mi chiedo razionalmente anche..."qui prodest"? Voglio dire...a quale pro?
    L'analisi ben svolta nell'articolo qui presente, mi ha davvero aperto gli occhi. Io sono d'accordo nel pubblicizzare le Marche, auspicando in investimenti dall'estero nella nostra regione, ma non credo che questo spot sia il modo migliore o più efficacie per poterlo fare. Credo anzi che sarà infruttuoso il grande investimento fatto (2M di Euro). Sarà un altro fiasco all'italiana, con il sapore dolce (per la scelta del testimonial) ed allo stesso tempo amaro (per la solita fregatura di quelli che nell'articolo vengono definiti "soliti noti").
    Io sono ancora un ragazzo ed ho davvero molta speranza e fiducia nella nostra umanità, mi chiedo però come si possa pensare che un minispot con un mega attore di Hollywood possa aiutare la nostra Regione a migliorare, a crescere, ad affrontare le gravissime difficoltà della crisi congiunturale. In questo momento economico-finanziario così drammatico, 2 milioni di euro dovevano essere utilizzarli per ridurre l'addizionale IRAP sulle imprese, non solo per quelle che esportano prevalentemente, ma per tutte le imprese che hanno dimostrato di saper affrontare la crisi e che a causa della pesante fiscalità, spesso non hanno liquidità da reinvestire nell'azienda...o peggio per pagare i propri dipendenti...ricordo al Governatore Spacca che l'IRAP viene pagata anche da imprese in perdita. La condizione è: hai personale dipendente...allora paghi l'IRAP!!! Questi imprenditori marchigiani secondo il nostro Governatore, come prenderanno questo spreco di risorse pubbliche?
    Ho sempre ritenuto Spacca una persona in gamba, oggi invece ho capito che il potere cambia le persone e le rende schiave.
    In definitiva, non so dire se 2 milioni di euro siano realmente una cifra ragionevole per le spese affrontate nella realizzazione dello spot, non mi rendo conto di quanto possa costare uno spot del genere e spero con tutto il cuore e voglio credere che non sia avvenuto il gioco dei piattini, ma la domanda che mi continua a premere è sempre la stessa: era necessario? Sarà utile? QUI PRODEST????

    RispondiElimina

Posta un commento

tra i post più popolari

Balleri, curiosi frutti del Conero

I paccasassi

Il Crocifisso di Numana

Multe estive a Numana

Le fisarmoniche Frontalini