Viva l' Italia Viva il Presidente Napolitano

"L'Unità d'Italia fu perseguita e conseguita attraverso la confluenza di diverse visioni, strategie e tattiche, la combinazione di trame diplomatiche, iniziative politiche e azioni militari, l'intreccio di componenti moderate e componenti democratico rivoluzionarie. Fu davvero una combinazione prodigiosa, che risultò vincente perché più forte delle tensioni anche aspre che l'attraversarono". 
Giorgio Napolitano Presidente della Repubblica Italiana

Grazie Presidente e sotto trovate una pagina che ci riguarda molto da vicino sul cammino per l' Unità:

Il monumento a Cialdini

La Battaglia di Castelfidardo - a Numana cadde l'ultimo vessillo pontificio

Commenti

  1. Mi spiace caro Presidente, ma non sono d'accordo, si potrebbe parlare delle tattiche e delle visioni e di quello che la scuola si ha insegnato, a cominciare dal quadretto con abbracciati cavour, mazzini e garibaldi ...
    ma non si fece l'unità d'Italia, ma l'espansione del regno dei Savoia ... che in seguito chiamarono Regno d'Italia ... ma se conosce la storia Regni d'Italia ve ne furono anche prima ... percui non facciamo passare per volontà popolare quella che fu un invasione senza dichiarazioni di guerra. Anzi le guerre i savoia le persero quasi sempre ... singolare è come il veneto passò al regno d'Italia, nonnostante la sconfitta contro gli austriaci. E poi si rilegga il significato di nazione e vediamo se è così integralmente applicabile alla realtà italiana.
    E mi permetta che che ho provato un certo disagio nel come si è arrivati a festeggiare questo 17 marzo: si festeggia ma solo con cerimonie di stato, si chiudono solo gli uffici pubblici, anzi no se vogliono è facoltà anche per i privati, non è una festa pari alle altre, anzi si, anzi togliamo i soldi del 4 novembre e li mettiamo al 17 ... ecco in comune col regno d'italia che avete festeggiato ieri trovo questo: trattate il popolo come suddito!!!

    RispondiElimina
  2. allora non festeggiare nemmeno il 25 aprile se no diventa un giorno della liberazione mascherato da giorno del ritorno all'oppressione ...
    alle mie latitudini ieri a chiunque abbia rivolto un "viva l'italia" la risposta è stata "sempre!!"
    sarà un caso o forse che siamo noi al centro ex papalini l'unica italia??
    il presidente in 4 righe ha fatto un sunto esatto della cosa e per questo lo ringrazio

    RispondiElimina
  3. zio da noi qualche tricolore appeso qua e la senza tanta convinzione ... questa festa non si è capita ... forse perchè nel 1861 il trentino neanche gli passava per il cervello di passare coi savoia ... ripeto savoia ... divenne italia nel 1918 ... con una certa convinzione ma allo stesso tempo ringrazia "l'austriaco" degasperi di averlo reso il più possibile autonomo ... percui il presidente napolitano parli a nome di tutti gli italiani, se esistono. Al centro avete festeggiato? sono contento per voi, ma allo stesso tempo rivendico la mia autonomia e il mio non sentirmi partecipe di una festa decida in modo cialtronesco.
    Il 25 aprile? segnò la nascita dell'italia democratica e la fine di una dittatura di cui i savoia furono complici, per quanto possa sembrare strano. La nascita di uno stao Moderno? dell'italia senza lo stemma dei savoia sul tricolore ... quello che si festeggiava ieri ...

    RispondiElimina
  4. Io vorrei festeggiare, lo vorrei tanto, tanro. Lo trovo però difficile analizzando i tempi che corrono. Ad esempio, a me caro Presidente questa storia del nucleare non và proprio giù, e non mi vanno nemmeno giù le baldracche del Presidente del Consiglio, e il milione di euro speso per mantenerle. Stamane nell'ambulatorio del mio medico sentivo una mamma che si confidava con un'altra signora che ha dovuto portarsi appresso la figlia malata, perchè da quest'anno la Regione Lombardia ha autorizzato i medici condotti a farsi pagare le visite (50€ minimo) presso le abitazioni quando risiedono 25km oltre la sede dell'ambulatorio.

    Oggi caro Presidente a Pavia nella bassa del profondo Nord Italiota è ceduto di schianto un pilastro del Ponte della Becca, i giunti riparati la scorsa estate per i quali sono stati stanziati due milioni di euro sono anch'essi crollati. Vorrei sapere chi paga per questo scempio considerato che i sindaci e i cittadini sono anni che dicono che questo ponte andrebbe abbattuto.

    Presidente, manca il lavoro e ne manca anche tanto.

    Presidente, io vorrei festeggiare mi aiuti quindi Lei a trovare un solo motivo valido per farlo assieme a Lei. Grazie

    RispondiElimina
  5. @gobbo
    allora c'è un'italia "democratica" da festeggiare!! bene ma non benissimo
    @nice
    ti ringrazio del commento molto bello ma consentimi pretestuoso mettiamoci pure le mignotte lungo la "statale"
    che è strada di stato anche detta nazionale e vedi che la festa non si doveva fare ..
    credo che il concetto di cosa rappresenti questa unità d'italia l'abbia dato il presidente in 4 righe ..
    altrimenti rischiamo di trasformarlo in un calderone che può contenere di tutto anche le scorie nucleari come dicevi
    ;-)

    RispondiElimina
  6. l'italia era
    8 stati
    8 monete
    8 dogane
    nessuna voce in capitolo nel consesso delle nazioni
    una storia vecchia di nazione unita dai tempi dei romani per passare per il sacro romano impero di carlomagno primo re d'italia e senza considerare confini naturali tra i più netti e la lingua dal latino prima all'italiano del rinascimento e andare ...
    c'erano aneliti di libertà in giro
    per l'italia .. carbonari massoni e patrioti
    i savoia erano i più forti e han veicolato il progetto e le varie ambizioni
    hanno vinto e han fatto la storia
    come tanti altri prima e oggi siamo nazione anche se per me lo siamo da sempre e quindi festeggio

    :)

    RispondiElimina
  7. contro la retorica nulla può il libero pensiero.

    chiedo solo, anzi datevi voi le risposte, io me le sono già date:

    - trento ha più in comune con innsbruck o con cosenza?

    - trieste ha più in comune con Linz o con Ragusa?

    - bolzano ha più in comune con Monaco o con Ancona?

    si parla di romani ... per analogia siamo fratelli con i francesi ...

    carlo magno ed il sacro romano impero ... tornano i francesi ...

    confini naturali ... il po non lo è?

    il latino ... per la cronaca i romani nel trentino e non solo ci furono dal I a.c. al V prima e dopo popolazioni di influsso germanico (siamo nella zona delle alpi retiche ...) ma con lo stesso discorso allora si annetta pure spagna, francia e romania ...

    i savoia erano francesi ... infatti la savoia è al di la dei confini definiti "naturali" da qualcuno ...

    i savoia crearono il regno con l'aiuto di inglesi, francesi e chi più ne ha più ne metta ... si sono mandati a morire dei poveri cristi in CRIMEA si sa vicino a Roma ...

    carbonari, massoni, sono un'elite non il popolo ...

    mazzini non voleva i savoia ...

    per cui o la storia la si legge attentamente o si fa la figura dei cialtroni, tipo il nostro Presidente ...

    I savoia quali guerre avrebbero vinto? forse qualche battaglia ...

    come sempre i Tedeschi hanno avuto più senzo pratico di noi, creando di fatto delle federazioni di stati ... avendo anche loro l'esperienza delle libere città (quello che erano da noi i comuni) e di principati e regni (ad esempio la baviera)

    percui s'impari la storia e la si affronti con rispetto e senza paura ed allora un popolo sarà cosciente del proprio passato e non lo si faccia per decreto legge.

    E vedrete che si avranno degli italiani con la I maiuscola che si sentiranno nazione ogni giorno e non solo durante una partita di calcio o per un tricolore alla finestra.

    RispondiElimina
  8. e beh è come chiedersi perchè sventola la bandiera francese in polinesia o perchè hanno tanti negri nelle competizioni sportive insomam c'è di peggio e cantano la marsigliese tutti insieme .. chissà perchè .. boh
    quando parli di retorica è proprio quella che sventola in questi giorni al posto del tricolore .. ho scoperto generazioni che si son fermate ai racconti dei nonni che si stava meglio sotto franceschiello o sotto ceccopeppe
    un concetto di storia più che altro familiare oserei dire perchè i fatti parlano chiaro siamo italia da due mila anni e passa e roma e i romani stanno in italia e il concetto e nome di italia è visibile in tutte le carte storiche
    penso che molti di voi non si rendano perfettamente conto di cosa voleva dire
    8 stati
    8 dogane
    8 monete
    contare NIENTE
    ma noi siamo diversi e ci può stare
    siamo creativi a tal punto che abbiamo dimenticato chi siamo
    di questo passo cambieremo nome e di nuovo confini e quant'altro
    pazienza e a chi dice oggi "fare futuro" dico che sarebbe meglio
    "fare passato"
    tra l'altro non mi avete ancora risposto qui e in altre sedi come mai noi neklel marche ci sentiamo italiani?? boh!! perchè??
    in fondo analizzando i 150 anni ultimi eravamo in mani amorevoli e confortati nel rigore mortis con
    la promessa del paradiso e poi arriva un bersagliere cialdini e 4 schioppettate e si annette tutta l'italia centrale e cosa doveva fare?? e noi poi cosa dovevamo fare?? crescere come siamo oggi o piangere il papa e l'inferno che
    ci aspetta??
    sinceramente aldilà delle differenze tra noi non capisco proprio questo modo di fare e agire questo rigurgito di astio e livore
    nei confronti di quella che appare una naturale evoluzione delle cose di allora .. niente si fa per caso .. c'erano le condizioni e si è fatto .. malamente?? non saprei
    certo io non posso dirlo

    RispondiElimina
  9. Non puoi pretendere di creare no stato unitario, da una realtà che unita non lo è mai stata ... nelle marche siete contenti di questa unità? dimostrazione che non siamo tutti uguali ... e che l'italia non è tutta uguale ... lo hanno capito in germania, lo hanno capito negli stati uniti, nella stessa inghilterra ... tranne che da noi ... si vuol far stare unito ciò che non lo è ... la soluzione c'è, il federalismo (e la lega e la sua padania non c'entra) che di fatto per alcune zone d'italia già c'è ... io ti scrivo da una di queste ... perchè sono il primo a dire che la ricchezza maggiore dell'italia è la sua diversità ... e correggimi se sbaglio, ma la sua bellezza l'italia non l'ha costruita quando non era unita?

    RispondiElimina
  10. voi in generale non siete contenti oggi e/o ultimamente e lo addossate addirittura a 150 anni fa
    un lasso di tempo troppo grande e pretestuoso preso in esame oggi da
    generazioni che non hanno la minima idea di come si vivesse o cosa si pensasse ecco perchè mi batto e spero di far capire il ragionamento ..
    è pretestuoso .. l'unità è stata una cosa molto più complicata e giocata da chi aveva capacità e mezzi per portare finalmente il paese a nazione unita come da sempre ci si era considerati in italia ..
    non è possibile che la mia generazione venga cresciuta a pane e risorgimento e il web poi crei tutta questa confusione.
    perchè di questo si tratta di revisionismo storico di taluni molto inferiore alla storia classica che ci hanno insegnato
    dal 1820 c'erano moti ovunque e gli stati erano 8 ripeto con 8 monete e 8 dogane e il più organizzato ha veicolato quella naturale unione che i confini e la storia millenaria dettano e non solo
    .. se poi oggi tizio sta peggio di caio non può farlo risalire ai savoia .. questo è inaccettabile
    poi ognuno la veda come vuole
    ma a distanza di 150 anni ripeto
    è pretestuosa la cosa

    RispondiElimina
  11. zio oggi ero in libreria ... c'è un bellissimo libro di giordano bruno guerri ... non direi proprio un antitaliano ... te lo consiglio ... io ti dico germania ... quello era il modello ... viste le storie simili ...
    zio sei cresciuto nel dopoguerra, dove si doveva riunificare nuovamente un paese ... dove si scalava il k2 con l'ossigeno e si mentiva a costo di far morire un innocente ... dove si firmavano i patti e non si rispettavano ... dove si è venduto e svenduto il paese agli stati uniti ... ti richiedo dal 1860 ad oggi quali sono le bellezze per cui l'italia è famosa nel mondo? la grandezza della bellezza l'italia l'ha conosciuta quando non era unita politicamente ... motivo in più perchè questa unità è stata fatta in modo sbagliato ... e tu m'insegni che la storia la scrivono i vincitori e non i vinti ...

    RispondiElimina
  12. a quando allora un po' di revisionismo sulla guerra di liberazione dei partigiani grazie ai quali si è liberata quest'italia
    nata da quella ...
    è ancora tabù e ci vorranno altri 150 anni per chiarire chi ha effettivamente liberato il paese dal fascismo ..
    per dire che la storia non la scrivono solo i vincitori ma da un secolo almeno anche la politica fa la sua parte come in questo revisionismo del risorgimento
    non vi è altro che politica e la
    storia va a farsi friggere
    anche il manzoni avrà scritto i promessi sposi sotto dettatura dei savoia o del camillo stesso
    e quando si scriveva sui muri viva verdi si voleva intendere il musicista e basta
    :)

    RispondiElimina
  13. popolino ignorante ma affamato col tricolore23 marzo 2011 16:30

    « Co San Marco comandava
    se disnava e se senava;
    soto Franza, brava gente,
    se disnava solamente;
    soto casa de Lorena
    no se disna e no se sena;
    soto casa de Savoia
    de magnar te ga voja!
    ------------
    tr.
    con la Serenissima si pranzava e si cenava;
    con i francesi si pranzava solo;
    con gli austriaci nè si pranzava nè si cenava;
    Coi Savoia di mangiare te lo scordavi del tutto ...

    RispondiElimina
  14. ti sei dato la zappa sui piedi
    visto che sei austro-ungarico
    spiegami la differenza nella cantilena tra austriaci e savoia
    ..
    ;-))
    sotto gli austriaci non se magnava
    lo stesso ma si stava mejo
    ehehehe

    RispondiElimina
  15. non pranzavi e non cenavi ... con gli austriaci, ma qualcosa metttevi sotto i denti ... coi savoia neanche la fantasia di poter mangiare ...

    questi erano i veneti ... io difendo il tirolo del sud ... ;

    e comunque non rinnego l'italia in toto, ma come è stata costruita e come si è deciso di amministrarla ... si è fatta un unità per la Fiat e non per il popolo ... come la UE ... ma almeno quella è federale ... e ripeto mi sento un privilegiato essendo in una provincia autonoma che con roma ha poco da spartire ... (in termini amministrativi intendo) ma capisco il giramento di coglioni dei miei parenti veneti ... e questa festa come è stata decisa è l'ennesima cialtronata ...

    RispondiElimina
  16. Zio a me dispiace usare retorica però ti assicuro che non ci vedo nulla in cui festeggiare. Lui è obbligato è il Presidente.

    Oggi hanno fatto ministro Romano che è indagato per corruzione e per tangenti.

    Cosa dovrei festeggiare?

    RispondiElimina
  17. E' un bellissimo paese che lentamente se ne stà andando in 'vacca'.
    Ad esempio, la bellissima Provincia di Pavia è un disastro non c'è una (e sottolineo una) strada sana, e l'altro giorno è pure crollato un ponte!

    Io non ci riesco.

    RispondiElimina
  18. che esca in strada annabella allora!!
    ;-))
    qui della valle è andato personalmente a verificare i danni e la gente l'ha acclamato e spalato con ancora maggior vigore ..
    ha fatto più lui con una sortita in loco che il governatore appellatosi allo stato di calamità nazionale ..
    a volte serve più l'esempio anzi sempre che le chiacchiere della politica

    RispondiElimina
  19. Senza contare l'Oltrepò che ha frane un giorno si e due no.

    RispondiElimina

Posta un commento

tra i post più popolari

Balleri, curiosi frutti del Conero

Le feste in casa degli anni '60

I paccasassi

Il Crocifisso di Numana

Paccasassi numanesi