Post

Visualizzazione dei post da Gennaio, 2013

Frescarelli marchigiani

Immagine
E' il piatto della tradizione popolare marchigiana: i Frescarelli o Frascarelli a seconda delle tante zone e diversità che compongono la nostra regione, che come dice il nome non è una Marca ma tante Marche e questo piatto rappresenta una bandiera comune che unisce tutti. Una polenta di riso che vede una cottura molto simile alla tradizionale gialla di mais. Si parte con il riso e dopo una decina di minuti scarsi lo si porta a cottura aggiungendo la farina bianca e mescolando per non far raggrumare il composto. Una volta terminata la cottura, nei minuti previsti per il riso, in genere 17 circa, si lascia riposare sul piatto piano e possibilmente più grande del solito e si condisce con un sugo sapido. Nelle foto un ragù di carne tagliata grossolanamente al coltello ma anche un bel sugo rosso con salsiccia si sposa alla perfezione. Restando in tema salsiccia, anche un sugo bianco con lei sfarinata e magari una "costarella" di maiale a guarnire con l'immancabile spolve…

Per non dimenticare

Immagine
Oggi 27 gennaio 2013 si celebra la Giornata della Memoria per non dimenticare lo sterminio. E dal campo di sterminio più famoso, quello di Auschwitz, perché non ebbero il tempo di distruggerlo, queste poche foto, scattate lo scorso agosto in occasione della mia visita durante il periodo delle ferie. Nessun commento, solo l'invito ad andarci una volta nella vita affinché quello che è stato fatto lì dentro non venga MAI più ripetuto. 
 un fiore e una preghiera

In volo sulle spiagge del Conero

Immagine
Bellissimo video trovato sul web che ci permette di sorvolare la nostra Riviera, a partire dalla spiaggia delle Due Sorelle, dal punto di vista del pilota, credo una ragazza, che ringrazio per aver messo online e condiviso questa bella esperienza dal titolo "Il Conero da un altro punto di vista"

La rupe Sermosi

Immagine
Ovvero come sottotitolo: l'annosa questione della suddetta, che costeggia un tratto della litoranea partendo dal ponte di Sant'Anna per circa duecento metri. Essendo costituita da terriccio e argilla, essa, con le sue pareti in parte a strapiombo sulla sottostante e importante via di comunicazione costiera, rappresenta un problema annoso, al limite dell'increscioso per i buoni propositi e per i costi che ha causato da anni, interessando tante amministrazioni comunali che nel tempo si sono succedute. Tutte, o quasi, con lo scopo di realizzare lavori di sistemazione e messa in sicurezza che negli anni hanno raggiunto vette inimmaginabili di faciloneria, cialtroneria e sperpero di denaro pubblico. Eh già, perché stando a rapidi conteggi della serva, sembra che abbiamo o meglio hanno, speso qualcosa come una decina di milioni di euri italiani. Ma alla prima pioggerella insistente, perchè non si è trattato di nubifragio, ecco che viene giù tutta quella roba che qui chiamiamo &…

Il fosso di Sant'Anna quando piove

Immagine
Da sempre il fosso di Sant'Anna raccoglie le acque piovane nella loro corsa naturale tra fossi e canaloni che scendono giù dal Conero  se non è torrenziale la pioggia, l'acqua si interra poco prima del mare in spiaggia Ma quando piove per bene ecco che assume l'aspetto di un vero e proprio torrente in piena e arriva con forza dirompente in mare trovandosi oggi quasi in pieno porto e apportando tanta di quella fanghiglia che resterà per anni sul fondale basso della nostra spiaggia. Essendo tra l'altro materiale molto leggero, una volta in sospensione impiega molto tempo a precipitare per tornare a intorbidire le acque non appena il mare o il bagnante muove il fondale. Solo qualche buona mareggiata alla lunga può ripulire un po' dal fango che questo fosso a cielo aperto apporta di continuo. Nel video girato col telefonino si può vedere cosa succede in una giornata di pioggia non particolarmente intensa. Solo prolungata. Ma essendo un terminale per una vasta zona ecc…

El pà de Sant'Antò

Immagine
Anche quest'anno la antica usanza si rinnova con il tradizionale pane di Sant'Antonio, il Santo più amato delle nostre campagne ed è grazie a questa particolare devozione al santo degli animali che la tradizione del pane benedetto è arrivata fino ai giorni nostri. E' sempre con grande piacere che si riceve la pagnotta dagli addetti della congrega ai quali va il mio plauso per tramandare nel tempo questa popolare usanza della nostra gente. Quest'anno oltre al santino trovate anche la preghiera che reca nel retro per chi volesse recitarla. Male non fa di certo. 
Orazione a SANT’ANTONIO ABATE Gloriosissimo S. Antonio, esempio luminoso di penitenza e di fortezza cristiana, ardente di zelo per la salvezza delle anime e di carità per il bene del prossimo. Voi che otteneste da Dio la speciale virtù di liberare l’aria, la terra, il fuoco e gli animali da ogni morbo e da ogni malefìca influenza, fate che con una santa vita imitiamo le vostre eroiche virtù e che anche quaggiù in…

C'era una volta l'oratorio

Immagine
Leggendo questo manifesto riguardante l'inaugurazione di un fantomatico, nel senso nuovo per il mio lessico personale, acronimo C.A.G.,  ovvero Centro di Aggregazione Giovanile, mi è corsa subito la mente ai tempi dell'oratorio, unico spazio di coinvolgimento per i ragazzi del tempo. Non c'era l'Assessorato alle politiche giovanili, nome che tra l'altro incute un certo timore e il tutto era affidato al parroco e non solo per i giochi di noi ragazzi, perché tutto ruotava attorno alla parrocchia anche per gran parte dei nostri genitori impegnati in varie associazioni. E' un segno di cambiamento profondo che la nostra società sta ancora attraversando per approdare ad una sponda decisamente laica e molto meno religiosa. La rotta è da tempo tracciata e la metà è ineluttabile vista la carenza di sacerdoti, specialmente giovani, i cosiddetti "cappellani" che passavano il loro tempo con noi ragazzi insegnandoci molte cose, alcune delle quali impa…

A Numana è passata la Befana

Immagine
Oltre a far rima con peana da stanotte Numana la fa decisamente anche con la Befana che ci ha riservato un regalo di quelli che capitano di rado, ovvero il secondo premio della Lotteria Italia che ammonta alla bella cifra di due milioni di €uri. Al fortunato vincitore, che mi auguro essere delle nostre parti, porgo le mie più sentite felicitazioni. Poi voglio dargli un consiglio, ovvero di scappare dall'Italia e chiedere asilo politico in Russia come ha fatto Depardieu giacché noi stiamo avviandoci al peggio del peggio in materia fiscale.   il Carlino stamattina aveva un profumo diverso e l'ho immortalato come merita l'occasione con l'alba del 07/01/2013 e stagliato sul profilo più bello di Numana il biglietto .. lasciatemelo dire del  "culo rotto" 
 gli altri premi e Antonellina tesssoooro

L'ultima alba

Immagine
Un passo indietro e un video di una delle ultime albe del 2012 ... a compendio del post precedente e nell'ottica del meglio abbondare .. in cose piacevoli da guardare .. che deficere

L'alba di un nuovo anno

Immagine
Un alba bellissima, nitida, limpida, introduce questo anno nuovo 2013 a Numana come migliore augurio possibile potesse farci la Natura. Sarà un anno duro come molti affermano o presagiscono, ma questo spettacolo è senz'altro un buon antidoto per guardare con ottimismo al futuro ed esorcizzare tutte le paure
c'era anche la luna piena e alle prime luci dell'alba questo era lo spettacolo che si presentava e non capita spesso di poterlo immortalare così mentre la luna era ancora visibile a ovest ecco che il chiarore del sole iniziava a fare capolino a est  nella spiaggia antistante il porticciolo

 il sole che emerge dalle acque  e Numana ne viene irradiata dalla sua luce radente Buon 2013