Post

Visualizzazione dei post da Marzo, 2015

Il mare ... è 'na livella

Immagine
Qui avevamo lanciato l'allarme Tanti erimi e tanti fossimi ma anche avvertito che con una mareggiata da sud tutto si sarebbe risolto e i migliaia di metri cubi portati via sarebbero tornati al loro posto. Detto, fatto e la natura senza ruspe o viaggi di camion pieni di rena ha trasportato chissù quanti metri cubi in una giornata o poco più che è durata la levantera ultima. Parafrasando Totò possiamo dire con assoluta certezza che anche il mare è 'na livella. Come la morte. Nella foto sopra dove prima si vedevano gli scogli scoperti ora sono stati di nuovo completamente coperti, mentre in quella sotto, dove c'era un muro di dislivello alto più di due metri, è stato del tutto colmato e perfettamente livellato, manco fosse stato il più abile e diligente dei ruspisti. 

Quando il mare buttava le legne

Immagine
Non fatevi ingannare dal titolo. Non c'è nessun errore ortografico, semplicemente l'uso di un termine che qui era la consuetudine. Ovvero "le legne" sta per "la legna" ovviamente, in uno dei tanti modi di dire, che magari col tempo si stanno perdendo, ma che era uso comune  usare per indicare oggetti e quant'altro. Le legne, quando il mare le buttava a riva, erano un dono per i focolari domestici e in poco tempo sparivano dalla spiaggia. Oggi con tutta una serie di divieti che ne impedisce il fogarò sul posto (il rogo), ecco che diventano un problema di non facile soluzione. Bisogna ammucchiarle, anche se nel frattempo molte sono state sotterrate nell'arenile dalla forza delle onde. e aspettare che qualche ente si faccia carico del loro smaltimento. Questo ultimo capitolo di questa affascinante e infinita storia è dovuto allo scirocco che ha portato quel materiale dalla foce del fiume fino a fine corsa a Numana bassa. E' ovvio che il problema è…

Tanti erimi e tanti fossimi

Immagine
Vi ricordate di quando segnalai l'affioramento del primo scoglietto da qualche anno sommerso? Toh chi si rivede era il post dedicato e in generale potete dare una scorsa a come eravamo messi quando si intervenne con un'opera di ripascimento spiagge che prevedeva come primo intervento la posa di scogliere dette a pennello, ovvero perpendicolari alla battigia, che dovevano in casi estremi conservare un minimo di arenile. Posti quando il mare aveva scavato via tutta la spiaggia, essi si trovano in pratica a livello del mare medesimo e negli ultimi anni, dopo aver dato brutta mostra di sé nel periodo dell'emergenza, erano stati ricoperti, sommersi o muniti (come si dice da noi) dalla rena che mari da levante o sciroccali avevano portato da sud. Oggi il fenomeno che non è certo allarmante, testimonia comunque un andare e venire continuo di materiale ghiaioso soggetto naturalmente alle correnti marine e moti ondosi conseguenti. Da nord "leva" da sud "mette" …

Auguri alle donne della mia vita e a tutte le donne

Immagine
Premetto che ho passato la mia vita nel totale, o quasi, disinteresse per questa festa ritenuta, ingiustamente o meno, alla stregua di una mera manifestazione politica prima, quando addirittura una forzatura commerciale, una delle tante, dell'ultimo scorcio di società consumistica e perché no; festaiola. Le donne di casa, le mie donne, le donne della mia vita poi, sembravano parimenti disinteressate e questo rafforzava la mia naturale scarsa propensione a questa giornata. Una festa delle donne e per le donne e perché mai? Per le conquiste sociali o sul lavoro? Come se gli uomini non avessero lottato e tribolato tanto per le medesime? Certo le donne hanno dovuto lottare di più per affrancarsi nella società detta degli uomini, e anche oggi in molti paesi del mondo sono relegate ai margini di dette società e quest'aspetto mi rende da sempre estremamente solidale con loro. Ma le donne hanno anche avuto ruoli importanti e inciso nella storia dell'umanità con ruoli di potere e …

Io lì dentro non mi ci ficcherei

Immagine
... con nessun mezzo volante Q.T.N.T. (quasi tutto nel titolo) dentro questa nuvola ripresa che sembra un enorme cumulonembo anche se la parte vicina al cappello, detta anche incudine per la sua forma somigliante,  è la più pericolosa quindi né in mezzo o "drento" nè sopra e comunque è molto bella un fenomeno naturale di sicuro impatto visivo