Santa Barbara

foto solino tratta dal web
Dai ricordi delle riunioni annuali della locale A.N.M.I. una poesia dialettale:
RICORDI DEL GIORNO DI SANTA BARBARA
"Sveglia! Maina gastighi, franchi in riga a puppa!"
Grida cuntentu el capo d’ispeziò
"Nisciuno è de ramazza, né de scopa
è Santa barbara, nisciuno è de pregiò"

Per tutto a bordo se sparge ‘sta notizia
(Tutto merito tuo, martire egizia!)
Chi se lava, chi se sbarba, chi va giò de sotta
A lustrasse i buttò de la capotta

Senti el nustromo che prova giò la cala
Senti a strillà el fischiettu ,
Che te pare l’urchestra de la Scala
E anco' nun è fenita, nun è tuttu

Pogo dopu: "Assemblea in cuperta"
E Capo Cannò rimande a bocca aperta
“Equipaggio attenti, dest' riga, fissi!"
e no', dritti e duri come stuccafissi”!

"Oggi onoriamo la nostra Protettrice"
parla pogu el Cumandante, ma sa quel che dice
Po’ squilla la tromba, gridano "evviva"!
E il gran pavese viene issato a riva

Ste bandierine tutte culurate vanne su, su, su
Se tocchene, se imbraccene, se danne la mà
Sopra la banchina un cà
Sgrulla la coda, è cuntentu pure lu'

Là sopra el molu, che se confonde insieme a n’onda
Sventula el fazzuletto 'na ragazzina bionda
La guarda Calogero Cammarere
Sicilià, sottonocchiere

La guarda e po’ suspira:
“Spetteme lì bibìna che adesso viengu in tera!"

Per tutti, quel giornu c'hai un uggettu
E cume se non bastasse la lutteria
Doppia raziò, el dolce, l’allegria

C’e qualcunu che s’è scurdatu de 'stu giorno bellu?
No! E semu chì proprio per quello
Nun semu più boni de sta' sull’attenti
A chi dole un ginocchio, la schina o i manca tutti i denti!

Semu iscitti nel Cumpartimentu marittimo d’Umana
“Quattro muscò, do lance, 'na patana!"
Ma cul core semu sempre pronti a move
Sia se bunazza, sia se el mare è a forza nove!

Oh! Santa barbara che oggi sai chì cun no'
Apre le recchie e scolta st’uraziò:
“Te che ce salvi dalla polvera e dai scoppi
levece la polvera dai occhi

Quella no, quella nun spara
Ma ce fa fa' sempre a cagnara!

Alfredo Valentini de Umana
Fredu del Canepì (1916 - 1993)
Nelle foto della Famiglia Massaccesi alcune riunioni passate nella descrizione dell'amica Anna:
la prima Santa Barbara, anno 1966, (anno di costituzione del Gruppo ANMI di Numana), la Messa fu celebrata al cinema di Numana, perché la chiesa era in costruzione, tuo padre leggeva la Preghiera del Marinaio, il bambino col solino, sotto lo stemma con l'ancora, era Silvio

la mia più bella Santa Barbara quella del 5-12-1976, decimo anniversario della fondazione del Gruppo ANMI di Numana, mio fratello in divisa da cadetto che legge la Preghiera del Marinaio e babbo, dietro di lui, sull' attenti, con gli occhi lucidi dalla commozione...
Ti saluto con la frase caratteristica dei marinai per l' occasione:
Pala a prora! Voga
Pala a prora! Voga
Pala a prora! Voga Voga Voga!

Ciao
Anna

Commenti

  1. questa mattina, presso la sede del gruppo ANMI di Numana, si sono ritrovati i marinai in congedo per festeggiare la loro Patrona.
    Alla presenza delle autorità civili e militari convenute, il Presidente Lubrani ha consegnato gli attestati di compiacimento ai soci superstiti dell'ultima guerra, tra i quali c'era anche mio padre.
    La cerimonia è continuata con la consegna delle tessere ai nuovi soci, poi siamo andati in corteo, con la banda, in chiesa per la Messa.
    Al termine c'è stata la deposizione delle corone ai caduti presso i due monumenti con le note del "silenzio" al quale è seguito l'Inno Nazionale".
    Ciao e grazie ancora per quello che hai fatto

    RispondiElimina
  2. grazie a te e a voi tutti convenuti
    da parte mia sarò sempre disponibile
    a pubblicare le vostre testimonianze in ricordo dei vs cari caduti

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

I paccasassi

Balleri, curiosi frutti del Conero

Eravamo in 3 milioni nel Settembre 1971