C'era un ragazzo che come me …

amava i Beatles e i Rolling Stones ... e giocava con noi ragazzi a pallone su e giù per le scalette della Costarella fino a che un giorno coronò il suo sogno di entrare in Marina, addirittura alla prestigiosa Accademia Navale di Livorno ma la gioia, che lui aveva condiviso con noi, si trasformò in un dolore indicibile e incredibile, per una piccola comunità come la nostra dove non succedeva mai niente, quando la tragedia del Monte Serra, strappò la sua giovane vita assieme a quella di altri giovani commilitoni, gettando il paese intero nel più buio sconforto. Tutti si unirono alla sua famiglia in profondo cordoglio e oggi, a 33 anni di distanza, la vicenda non appare affatto chiarita e la verità che cercano ancora le famiglie delle vittime è grido angoscioso. Mi riprometto di tornare sull'argomento ed eventualmente di pubblicare qualsiasi cosa i familiari ritengano utile a non dimenticare la tragedia … sempre nei nostri cuori amico mio
SILVIO MASSACCESI
Numana 1957-1977
 
Nasce a Numana il 2/05/97. Fin da bambino dimostra una grande passione per il mare e per la vela, tra i primi allievi velisti del circolo nautico di Numana, che da settembre 1982 porta il suo nome. Ereditata dal padre, timoniere di manovra sul R.C.T "A. Pigafetta" durante la seconda guerra mondiale, una grande passione per la Marina Militare realizza il suo grande sogno e diventa uffìciale di marina. Pieno di entusiasmo, terminati gli studi nell’Istituto tecnico Statale, entra in Accademia Navale a Livorno nel 1976 diventando allievo di prima classe del corso normale di Stato Maggiore. Nel 1977 supera gli esami e si classifica 25 ° su 103 allievi distinguendosi nella squadra di tiro. Durante la permanenza in Accademia navale si distingue per la Volontà e la lealtà per la patria. Il 3/03/1977 durante un volo di ambientamento muore insieme a 37 compagni di corso, all’ufficiale accompagnatore e a 5 membri dell' equipaggio dell ’Hercules C.130 Vega 10, in una sciagura aerea del Monte Serra-Calci (PI). Promosso guardia marina in S.P.E. alla memoria lascia il ricordo del suo sorriso dei suoi meravigliosi occhi azzurri della sua bontà della sua allegria del suo altruismo del suo immenso amore.
 

alcuni link:

un fotoservizio del giorno del funerale e l' Associazione delle famiglie delle vittime, sono entrambi molto interessanti e meritano senz'altro una vostra visita di approfondimento.

Commenti

Post popolari in questo blog

I paccasassi

Balleri, curiosi frutti del Conero

Eravamo in 3 milioni nel Settembre 1971