Ai cinghiali piace il Golf


Manco a farci apposta, dopo il mio incontro ravvicinato col branco di cinghiali ecco un altro caso letto ieri sul Resto del Carlino – cronaca locale a firma Ilaria Traditi dove apprendiamo del grave danno subito dal locale Conero Golf Club e dei danni che ormai ammontano a più di 400.000 euriiiiii !!! Disappointed nella foto tratta dal Carlino si può notare la parte "arata" …
Sembra proprio che i cinghiali del Conero si siano affezionati al Golf club di Sirolo, almeno a giudicare dalle continue incursioni nottume che vanno avanti da venti giorni. L’ultima domenica sera, quando alcuni esemplari si sono intrufolati nel campo provocando «danni enormi» secondo le dichiarazioni del direttore Roberto Malatini. "Siamo esasperati, la situazione è insostenibile e non siamo più in grado di sostenere le spese - afferma Malatini - e abbiamo superato il limite con ben 4 buche irrimediabilmente rovinate e 700 metri quadrati di terreno tra fair-way e avant-green distrutto. Sono ormai quattro anni che le incursioni degli ungulati, concentrati soprattutto nel periodo estivo, provocano gravissimi danni al manto erboso ma anche all’immagine del club che rappresento, considerando che in questo periodo ospitiamo numerosi giocatori da fuori regione e dall'estero, come nel caso - sottolinea Malatini - del torneo delle città gemellate organizzato con alcuni circoli inglesi, irlandesi e francesi il 31 maggio e il 1 giugno" I numerosi telegrammi, fax e mail fatti recapitare alla Provincia e alla Regione per ora sono caduti nel vuoto: solo l’Ente Parco Ha risposto alla richiesta di aiuto da parte del Golf club, facendo alcuni sopralluoghi e offrendo un piccolo contributo per l' installazione di una recinzione elettrica, ritenuta però dai soci del club insufficiente a bloccare il passaggio dei cinghiali, Intanto il danno di domenica, stimato dal green-keeper William Curzi coadìuvato dall'agronomo Francesco Senzacqua, ammonta a circa 26.000 euro che sommati al costo previsto per il ripristino delle arre danneggiate nei giorni scorsi di circa 1.600 metri quadri, porta il danno complessivo a circa 80.000 euro in 3 settimane. Negli ultimi 4 anni poi la cifra sale a 400.000 euro. "Una conferenza dei servizi con la partecipazione degli enti preposti al controllo del territorio, del segretario regionale del Coni Fabio Sturani e del delegato regionale per la Federazione Italiana Golf, Mario Soprani - spiega Malatini - aveva assicurato che l'inizio del programma di abbattimento selettivo avrebbe risolto il problema. Purtroppo così non è stato". Vista l'emergenza, il presidente del Golf Club Giancarlo Babini ha convocato ieri sera i soci per un consiglio straordinario. 
Un consiglio allora ve lo do io ... è ora di servire porchetta di cinghiale ai soci e quant'altri volessero .. gradire. A questo punto il problema va risolto e senza tanti tentennamenti o lungaggini burocratiche o tavoli di trattative Baring teeth

Commenti

  1. Hanno ciurlato nel manico sottraendo la terra agli animali? .... questi i risultati... abbattiamo ilgolf club e il suo presidente e restituiamo agli animali ciò che è di loro competenza.

    RispondiElimina
  2. Nutrizionista8 giugno 2011 14:49

    no no
    facciamo la porchetta come dice il ranger, inoltre mi permetto di segnalare, qualora ce ne fosse bisogno, che sono tanti i modi per
    cucinarli e naturalmente "norcinarli" a dovere .. non siete voi famosi per
    il "ciauscolo" di maiale??
    di cinghiale è ancora meglio

    RispondiElimina
  3. Nice: entrata a gamba tesa ...
    Nutrizionista: bene
    il caiuscolo in effetti è ottimo da spalmare e sembra abbia origini celtiche portato dai Galli Senoni della vicina Senigallia ..
    in generale il problema per il traffico è senz'altro da risolvere
    perchè c'è veramente il rischio di
    incidenti mortali ..
    per fortuna vado piano se no nel post dell'incontro di qualche giorno fa mi sarei trovato in serio
    pericolo perchè c'erano anche altre macchine provenienti dalla direzioe opposta e per fortuna ci siamo fermati tutti

    RispondiElimina
  4. Non si cercano cure e rimedi naturali si preferisce ricorrere al solito sistema italiota: abbattiamo gli animali per lasciare il posto all'altra razza animale. L'uomo.

    Però siccome sono clemente, e mangio con piacere la carne di cinghiale vi lascio una ricetta:

    http://www.youtube.com/watch?v=7DkcTPyu-8o&feature=related

    RispondiElimina
  5. eheheh...restituiamo la natura ai naturisti e il cemento ai cementisti...

    ...è bello avere dei cinghiali selvatici che rendono ancora più bello il parco naturale del Conero, magari mangiarne ogni tanto qualcuno non sarebbe male, anche perchè si stanno sviluppando in numero sempre maggiore ditruggendo molto di quello che trovano...l'ideale sarebbe trovare un giusto equilibrio...

    per quanto riguarda il Golf Club...forse non hanno provveduto all'adozione di necessarie precauzioni...ad esempio recinzioni metalliche...non credo che i cinghiali riescano a demolire delle reti metalliche...
    ...400mila euro...qualche socio li troverà in poco tempo...anche in questi periodi di crisi...almeno spero... :-)

    RispondiElimina
  6. Nice: molto meglio

    Tiger: qualche segnale di fumo ogni tanto non guasta
    ;-))

    RispondiElimina
  7. Nutrizionista8 giugno 2011 15:53

    del cinghiale come del maiale
    non si butta niente (cit.)

    RispondiElimina
  8. Nice.....veramente sono i cinghiali ad aver sottratto la terra a noi..........i cinghiali o chi li ha portati in un ambiente non loro!!!

    RispondiElimina
  9. Black: molto bene
    infatti la diatriba è:
    sono stati essi introdotti nel neo parco da ambientalisti o curatori del medesimo o erano già presenti e con i divieti di caccia, avendo come unico predatore l'uomo, si sono riprodotti
    in modo esagerato e senza controllo??
    qualcuno asserisce che c'erano già da prima e che vivevano nel sottobosco del monte in piccoli branchi o esemplari con la costante "premura" dell'uomo di nutrirsi delle loro carni ..
    altri sostengono invece che siano stati reintrodotti con i fagiani
    all'entrata in funzione del parco

    sarebbe opportuno capire i motivi ed affrontare il problema che ormai non passa giorno che non salga alla ribalta .. anche in spiaggia a Portonovo .. forse cercavano un ombrellone libero
    ;-))

    RispondiElimina
  10. volevo solo dire, che la norcineria del cinghiale va fatta mescolandolo col maiale ... possibilmente ruspante o meglio ancora di cinta senese ...
    riguardo al Golf Club, ma qualcuno dei cinghiali ha fatto Hole in One? se non l'ha fatto sono da ammazzare ...

    buon appetito ...

    qui da noi si stanno divertendo nei campi di mais di Storo, famosa per la farina gialla da polenta ... a breve lanceranno sul mercato polenta e cinghiale precotti ... le casalinghe moderne vogliono la pappa già fatta ...

    RispondiElimina
  11. ahahaha
    grande gobbetto!!
    qui se ammazzi un cinghiale vai in galera direttamente e senza passare dal via
    ;-))

    RispondiElimina
  12. Mi auguro che per mettere a posto il prato non chiedano a noi cacciatori un risarcimento danni per aver "liberato i cinghiali".A proposito della sicurezza di chi frequenta il parco sappiano gli imbonitori della l.a.v.che lo sparo viene effettuato in zone non frequentate segnalate in modo visibile e con barriere naturali in direzione del tiro.NON LO SAPEVATE O NON VI CONVIENE DIRLO?

    RispondiElimina

Posta un commento

tra i post più popolari

Balleri, curiosi frutti del Conero

I paccasassi

Il Crocifisso di Numana

Multe estive a Numana

Le fisarmoniche Frontalini