Cinghiali a zonzo

foto indicativa tratta dal web
Voglio con questo post segnalare un problema al traffico nella nostra zona che sta assumendo proporzioni preoccupanti. Il Parco del Conero è in pratica invaso da cinghiali che come prevedibile non sono soggetti a regole e cercano cibo spostandosi in branchi anche numerosi come capitato di vedere a me nei giorni scorsi. Oltre all'annoso problema della devastazione delle coltivazioni dei vari contadini che operano all'interno del parco, il numero ormai enorme di questi animali può causare seri danni agli automobilisti che si trovano a circolare nelle strade del parco e addirittura esterne al parco visto quelle che mi accingo a raccontare. Premetto che la zona è segnalata da tanti cartelli triangolari di pericolo attraversamento animali ma francamente il cerbiatto
in esso raffigurato non viene preso in considerazione per la minaccia effettiva che può rappresentare all'incolumità di chi guida. E non di meno i cartelli con lampeggianti (pochi per la verità) recanti la scritta ATTRAVERSAMENTO FAUNA SELVATICA sembrano sortire allarme alcuno. Ma quello che mi è capitato è stato uno spettacolo straordinario di natura selvatica. Mi trovavo a transitare verso le 8,00 di mattina lungo la strada che da Numana porta al vicino Camerano: Via Loretana, come potete vedere dalla mappa allegata, quando un branco di cinghiali con tre grossi esemplari in testa di cui una (credo femmina) nera carbone e altre due marroni e un pochino più piccole (forse le figlie più grandi?? o altre femmine??) hanno attraversato la strada rientrando nel parco (Via Loretana è in pratica un confine del parco) con al seguito almeno una ventina di piccoli di color nero e marrone di diverse dimensioni. Fortunatamente vado piano e mi son potuto fermare, bloccando il traffico alle mie spalle con le 4 frecce e stessa cosa ha fatto una signora proveniente da Camerano. Sbigottiti abbiamo assistito ad un fenomeno di forte impressione, con la femmina nera in testa che sembrava urlarci contro la sua rabbia ed incitare tutti a passare velocemente. Sono sbucati dal grano ancora verde e nel grano sono spariti lasciandoci col cuore in gola, sia per la loro sorte che per la nostra. A un certo punto guardandoci ancora stupiti sul da farsi e poco prima di pigiare l'acceleratore ecco che sbucano fuori altri 5 piccoli ritardatari e dopo alcuni secondi "interminabili" ci siamo rimessi in marcia per constatare dallo specchietto che anche un ultimo piccolino tutto nero aveva attraversato schivato dalle macchine che mi seguivano. Ecco è una raccomandazione ad andare piano lungo le nostre strade e anche un invito ai curatori del parco di trovare soluzioni adeguate al problema ormai insostenibile magari catturando e trasferendo quanti più esemplari possibili.
PROTEGGIAMO GLI ANIMALI DA NOI STESSI IN PRIMIS
non è colpa loro se son costretti a vivere in un parco chiuso da un lato dalla roccia e dal mare e dall'altro da una popolazione sempre più numerosa.


screen shot della mappa tratta da Google dove è indicato il luogo dell' attraversamento e le direzioni di marcia del branco di cinghiali.

Visualizzazione ingrandita della mappa
mappa consultabile per capire bene dove si sono svolti i fatti

Commenti

  1. ma il cinghiale non lo mangiate da quelle parti?

    da noi esiste lo stesso problema, anzi peggiore visto che non è autoctono ma importato dai cacciatori per le loro battute private e stranamente, anche se autorizzati dalla provincia, si guardano bene di dargli una caccia selvaggia ...
    il problema è che di fatto non ha predatori naturali, ed uno di questi l'uomo, si è dimenticato che è nato cacciatore ... ed ora via col buonismo degli animalisti ...

    RispondiElimina
  2. il problema è proprio quello se lo ammazzi vai in galera sono tanti i casi di contadini che hanno subito irruzione delle forze speciali nei loro frigoriferi ..
    prima la regione pagava i danni causati alle auto ma da tempo coi soldi che scarseggiano sono ben trincerati dietro ai cartelli di bambi che garantisce loro la manleva da colpe .. e tu se hai la macchina (come capita spesso in questi casi) da butatre la butti e ringrazi dio che sei salvo
    beh è stato uno spettacolo vedere tanti animali dal vivo ma un dolore saperli così in difficoltà in uno spazio ristretto

    RispondiElimina
  3. inoltre c'è la diatriba secolare tra cacciatori e regione vicina ad ambientalisti e verdi e molti di loro si son rifiutati di partecipare
    ad una "sfoltitina" organizzata dalla regione che all'uopo assume 5 o 6
    "tiratori col cannocchiale" ehehehe
    per abbattere capi in maniera mirata
    .. più mirata di così col cannocchiale ehehehe
    e io pago!! (cit.)

    RispondiElimina
  4. a propò si leggeva sui quotidiani nazionali che voi volete dare una sfoltita all'orso che si è moltiplicato e immagino che sarà
    guerra civile
    ;-)

    RispondiElimina
  5. parlavo proprio iera sera con un amico che lavora al museo civico ... il problema è che la popolazione ha subito il progetto e non è stata adeguatamente informata ... anche se bisogna dire che delle volte bisogna sbattersene dei comitati e se si crede nel progetto dargli attuazione ... li abbiamo eletti per lavorare non per chiacchierare ... certo che in questo periodo i maschi giovani sono in giro ... uno è passato non tanto distante dal fondovalle dove abito ... ed ha fatto razzia nella casa di un'assessora che conosco ... facendogli fuori mezzo pollaio ... c'è da dire che qui mamma provincia ti risarcisce i danni ... dell'orso sempre ... di ungulati e cinghiali a seconda dei casi ...

    RispondiElimina
  6. la domanda è:
    visto che la zona è abitata come si può vedere dalle mappe e il centro paese è a due passi .. se mi trovavo a camminare lungo la strada avrei rischiato l'incolumità??
    la femmina capobranco era minacciosa e sbuffava e grugniva da far paura
    si poteva subire un attacco??
    i cacciatori dicono di si che addirittura questi animali hanno zanne affilatissime e in grado di lacerarti con facilità
    aggiungo che sempre i cacciatori asseriscono che questi animali mangiano di tutto perfino le bisce
    per non parlare che sono in grado di "arare" il terreno scoperchiando tutto quello che c'è sotto da patate a rape e quant'altro
    è vera sta cosa??

    RispondiElimina
  7. si ... me lo hanno confermato in molti ... i miei amici in toscana hanno pulito dai rovi varie parti della loro tenuta con una cinta ... che poi è stata ingroppata dal cinghiale ...

    RispondiElimina
  8. la madre è pericolosa, se ti avvicini a lei o soprattutto ai piccoli ti asfalta e poi ripassandoti sopra ti chiede come ti chiami!

    Per il resto eviterei anche l'incidente stradale, altrimenti la cosa peggiore è la macchina distrutta e tu paghi la macchina e l'uccisione dl cinghiale(se sei ancora vivo).

    Il problema è che non hanno da mangiare e vengono sempre più vicino all'uomo, tanto non li ferma nessuno se non la regione.

    RispondiElimina
  9. confesso di essere rimasto affascinato dal fenomeno e dai
    piccolini che correvano dietro alle loro madri
    la natura è bellissima ma anche crudele
    molti di questi piccoli infatti finiscono sotto le macchine e cosa ormai assodata spariscono in brevissimo tempo dalla strada

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

I paccasassi

Balleri, curiosi frutti del Conero

Eravamo in 3 milioni nel Settembre 1971