La crescia sa i cicciòli

dopo la crescia de Pasqua è la volta della crescia sa (con) i cicciòli o grasciòli (grasselli) .. insomma tutta roba grassa de maiale
si deve stacciare (setacciare) la farina sulla spianatora (spianatoia), aggiungere il lievito di birra e una "presina" di sale, un bicchiere di acqua tiepida e iniziare l' impasto.
Una volta ottenuto un composto elastico e omogeneo, formare una palla e farla riposare per una trentina di minuti. Dopo di che si stende in piano, si uniscono i cicciòli, si impasta ancora e si stende di nuovo la pasta alta circa un dito, se vi piace croccante, o più alta se la preferite morbida e vaporosa, mettetela in teglia unta o con la moderna carta da forno e via in forno caldo a 180 °C per una mezz'oretta, fino a cottura. Può essere un' ottima merenda, uno stuzzichino e anche un antipasto ... mangiatela fredda e tagliata a pezzetti una goduria marchigiana .. una birra ci sta proprio bene

Commenti

tra i post più popolari

Balleri, curiosi frutti del Conero

I paccasassi

Il Crocifisso di Numana

Multe estive a Numana

Le fisarmoniche Frontalini