Fagiolino … e vai di ricordi

foto di Fagiolino tratta dal web Tra le tante differenze tra sessi, esempio lampante scarpe, borse e tende sono prerogativa esclusiva femminile, Tongue out si segnala la portentosa memoria delle femmine per i particolari che noi maschi non ci sogniamo neppure lontanamente. Aveva iniziato la cara amica Anna parlando di come eravamo in questo post sul tema "remigini" che ecco arrivarmi molto gradita l'email di un'altra carissima amica d'infanzia e di scuola: Elvi, la quale mi ha commosso ricordandomi alcuni momenti di quel periodo e risvegliandone altri ormai sopiti nella mente .. ma leggiamo cosa dice

Riguardo ai nostri ricordi stavo pensando al tempo delle elementari (1959 - 1963) ti ricordi le bidelle Nena e Lauretta? Quest'ultima, poveretta era talmente magra e curva che quando tirava il vento forte si metteva i sassi nella tasca della vestaglia.E quando ci davano a merenda il latte condensato? Sick Ci mettevano in fila e Nena distribuiva un bicchiere di latte e guai se non lo bevevi. Era brontolona ma in fondo era buona. Il motto era "BEVETE PIU' LATTE, IL LATTE FA BENE".
E Lauretta con il suo secchio che passava a caricare le stufe a carbone. E poi i quaderni con la copertina nera e con i fogli con i margini segnati di rosso, le cartelle tutte uguali di cartone marrone, l'astuccio di legno, le matite e le prime penne BIC utilizzate fino agli ultimi sgoccioli. Il tale che scriveva gallina con 3 elle e la maestra Lafaite che si disperava.Ti ricordi che festa quando venivano i burattini e Fagiolino era il divo del momento.
Sono piccoli tasselli che messi insieme formano il mosaico della nostra vita; a volte questi ricordi ti ritornano in mente quasi con prepotenza per dirti che non si possono né si devono dimenticare.Condividerli poi con le persone con cui li hai vissuti è un dono per cui bisogna ringraziare Iddio.
Alla prossima, ciao Elvi

foto teatrino marionette tratta dal web

Naturalmente il ringraziamento, nel mio caso, deve partire necessariamente da te carissima Elvi per avermi scritto, in primis, e per avermi fatto tornare alla mente quei momenti di vita spensierata che ci vedeva muovere i primi passi nel mondo della scuola e ci proiettava in una nuova dimensione di crescita culturale e fisica. Non eravamo più solo bambini ma bambini che studiavano per diventare grandi Nerd. Vedi io mi son ricordato addirittura dei calamai con inchiostro e pennini che andavano infilati nella penna per scrivere e quando mi hai ricordato Fagiolino sono  letteralmente trasalito, perchè in effetti era il mio eroe e se ripenso alla bravura del tizio che manovrava i burattini, oltreché doppiarli, mi vengono ancora i brividi. Restavamo estasiati lì davanti ad assistere alle varie scenette come se i personaggi fossero vivi e vegeti. Che tempi e qui una lacrimuccia è d'obbligo Crying. Grazie di nuovo del contributo che hai voluto portare alla memoria dei tempi numanesi. Tra l'altro lei lo ha fatto direttamente dal modulo dei contatti e lo dico per chiunque volesse ed avesse ricordi da pubblicare può farlo e io sarò ben lieto di accontentarlo, o di rispondere in privato via mail normale una volta stabilito il contatto e la mole del racconto dovesse essere corposa.

memorabilia

il manifesto del film con lo slogan "bevete più latte .. il latte fa bene" episodio con Anitona Ekberg (e mi pare giusto) e l'indimenticabile Peppino De Filippo

foto tratta dal web

i remigini del 1960 con la maestra Faite Red rosesperando in un futuro prossimo di andare a visitarla come promesso da Anna

Commenti

tra i post più popolari

Balleri, curiosi frutti del Conero

I paccasassi

Il Crocifisso di Numana

Multe estive a Numana

Le fisarmoniche Frontalini