I paccasassi

Un contorno tipico del Conero visto che cresce spontaneo nelle fenditure delle sue rocce è costituito dai paccasassi (Crithmum maritimum o finocchio marino) è un ombrellifera succulenta, perenne, tipica delle rocce e delle scogliere vicino al mare, alta dai 30 ai 60 cm. con gambo lignificato alla base, foglie composte da foglioline lineari, carnose, succose tipo pianta grassa, lunghe 1,5 cm. e disposte a destra e a sinistra del comune picciolo. I fiori, a calice con 5 petali, sono riuniti in ombrelline composte, piccoline e sono di colore bianco o giallastro, la fioritura va da luglio a settembre e i frutti sono ovoidali, formati da due acheni.
I paccasassi sono adatti ad accompagnare il pesce, ma anche per arricchire la pasta all'aglio e olio e, uniti a pezzetti di alici ed aglio, un filino d'olio e limone o aceto, per uno sfizioso antipasto oltre naturalmente ad essere conservati sott'olio e per altre ricette a base di verdure.
Però .. e c'è un però importante .. la raccolta dei paccasassi spontanei è proibita visto che crescono quasi eslusivamente nella zona del Conero che essendo parco vieta tutta una serie di attività, ma basta raccogliere con cura e mettere i semi in terra per ottenere delle piante da "allevamento" buone come quelle ruspanti...

aggiornamento qui:
Paccasassi numanesi

Commenti

  1. Cacciando "LA VELA"4 marzo 2009 15:41

    Gli spaccSASS...tanti...ce ne sono davvero tanti nella bellissima baia di "New Port" o Portonovo, andando a caccia dalla chiesetta verso lo scoglio della vela se ne trovano tantissimi...non vi sto invitando a raccoglierli...intanto andate a cercarli...poi vedrete voi ciò che riterrete opportuno fare.
    ;-)

    RispondiElimina
  2. I paccasassi non sono un'esclusiva del Conero ma li troviamo in tutte le zone costiere con macchia mediterranea " Gargano, tutto il Salento e anche in Sardegna" peccato per loro che non li valorizzano.

    RispondiElimina
  3. anche in Croazia è pieno e non sanno che farsene...

    RispondiElimina
  4. li ho consociuti in Croazia da marchigiani .. eccezionali..vanno con tutto..se li emulsionicon olio di oliva e odori a piacere fai salsetta di base ber tutto..
    pasta pesce alla griglia... calamari etc etc ... fortuna che ancoar non sono conosciuti.... ci sono pure a Fiumicino dove abito .. da poco ne ho fatti circa 30 barattoli sottoaceto
    Stefano

    RispondiElimina
  5. Ciao, ma devi lessarli prima di metterli sotto aceto? E' buonissimo panino MORTADELLA e pacasassi !!!! ma nn sò come si preparano!!!
    ..lho mangiato fatto da un ristorante locale!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Balleri, curiosi frutti del Conero

Eravamo in 3 milioni nel Settembre 1971