La frittata della nonna


Le vitalbe (clematis vitalba) sono delle piante spontanee (erbacce) rampicanti che crescono in campagna e si trovano spesso sui vecchi muri.
Nonna le chiamava VITALPENE :d ed era molto brava a raccoglierle e a cucinarle, all'epoca non aveva Wikipedia e quindi non sapeva che erano tossiche o forse lo sapeva e sopperiva all'ignoranza con la sana e semplice esperienza .. tant'è che sono ancora qui a raccontarvelo.

Raccogliete un bel fascio di germogli, stando attenti a prendere solo le prime due foglie, perché il resto è legnoso, coriaceo non .. masticabile, lavateli e lessate questi germogli in acqua salata, quindi scolateli.
Tagliate a pezzetti finissimi la cipolla fresca, e fatela imbiondire in padella con dell' olio. Sbattete le uova con un po' di sale e di pepe, e quindi unitevi le vitalbe che avrete tritato un pochino e mettete il composto in padella per la fase finale di pochi minuti.
Ci dice molto una spolveratina di menta fresca tritata sottilissima.



nelle foto alcuni risultati

Commenti

  1. Cocco di Nonna26 marzo 2009 00:13

    Bella frittata caro zio, fai fare un commento anche al Professor, nonchè Ziotto Raspelli...

    RispondiElimina
  2. Cocco di Nonna26 marzo 2009 00:13

    Tel Chi El Raspelun...

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

I paccasassi

Balleri, curiosi frutti del Conero

Eravamo in 3 milioni nel Settembre 1971